Qualifiche Baku, Pole di Leclerc; Verstappen infuriato: “è stata una m*rda”

Qualifiche Baku, Pole di Leclerc; Verstappen infuriato: “è stata una m*rda”

Sabato infuocato sul circuito cittadino di Baku, Azerbaijan, per le qualifiche del sesto appuntamento del mondiale 2021 di Formula 1: a spuntarla è Charles Leclerc, che inanella la seconda Pole Position consecutiva e che domani partirà dalla prima piazzola davanti ad un arrabbiato Max Verstappen ed un incredulo Lewis Hamilton.
I due contendenti per il titolo sono usciti da queste qualifiche, infatti, con due mood completamente opposti: il primo si è subito lamentato delle moltissime bandiere rosse che hanno stravolto la sessione (ben 4), mentre l’inglese ha tenuto a far presente come il secondo posto, dopo un weekend difficile e travagliato, sia stato uno sforzo enorme per il team.

Q1 – Stroll e Giovinazzi a muro in curva 15: doppia bandiera rossa

Ad aprire le danze del sabato azero è stata subito la vera protagonista del weekend: curva 15. Nel giro di pochi minuti prima Stroll e poi Giovinazzi falliscono nel trovare il giusto approccio durante il loro giro e finiscono entrambi a muro. Il primo per un bloccaggio dell’anteriore destra (che gli avrebbe consentito di sfruttare la via di fuga ed evitare l’incidente); il secondo per un bloccaggio dell’anteriore sinistra. Il risultato, però, è stato lo stesso: due bandiere rosse e sessione sospesa per due volte. Oltre a loro, ad uscire in Q1 sono stati, prevedibilmente, Nicolas Latifi e le due Haas di Schumacher e Mazepin.

Q2 – Super AlphaTauri, dispiacere Vettel ed un’altra bandiera rossa

Iniziano le Q2 ed i primi a scendere in pista sono Vettel e Sainz, entrambi su gomma rossa nuova. Alcuni piloti restano inizialmente a guardare, tra cui i due AlphaTauri: ancora non sapevano cosa il destino avrebbe riservato loro. Un super giro di Yuki Tsunoda garantisce infatti al rookie giapponese la sua prima apparizione in Q3, mentre la numero 10 di Gasly che in Q3 arriverà a pochi centesimi dalla Pole Position (!), con il francese che domani partirà dalla 4° piazzola, eguagliando la sua miglior partenza in carriera.

Verstappen, Perez, Hamiltone e Leclerc a meno di mezzo centesimo di distanza nelle Q2 del GP di Baku
Verstappen, Perez, Hamiltone e Leclerc a meno di mezzo centesimo di distanza nelle Q2 del GP di Baku

In una sessione davvero spettacolare (dove dopo il primo tentativo i primi 4 erano separati da meno di 40 millesimi), a dover pagare pegno è stato Sebastian Vettel, obbligato ad abortire il proprio giro veloce -che gli avrebbe garantito il posto in Q3- dall’ennesima bandiera rossa causata stavolta dall’impatto di Daniel Ricciardo contro le barriere di curva 3.
Insieme a loro fuori dalla Q3 Ocon, Raikkonen e Russell.

Q3 – Leclerc come a Monaco: Pole grazie ad una bandiera rossa; 10° Bottas

Se le prime due sessioni di qualifica erano state interessanti e frizzantine, è stato in Q3 che questo sabato di Baku si è rivelato in tutto il suo splendore: oltre all’ottima prestazione di Gasly già citata in precedenza, a far vedere i muscoli è stata soprattutto la Ferrari di Charles Leclerc, che anche grazie alla scia di Hamilton nel giro veloce riesce a far segnare un 1:41.218, un tempo di ben 2 decimi più veloce rispetto a quello dell’inglese, che partirà dalla seconda piazza.

Per Hamilton, però, stavolta si è trattato tutt’altro che di una sconfitta: “è stato un weekend terribile” ha detto nelle interviste post-gara, “avere me in seconda posizione ed anche Valtteri in Top 10 è davvero incredibile visto tutte le difficoltà che abbiamo avuto in questi giorni“.
In seconda fila accanto al francese dell’AlphaTauri partirà un iracondo Max Verstappen, che ha visto di nuovo le proprie possibilità di Pole sfumate (proprio come a Monaco) a causa di una bandiera rossa, stavolta causata da Tsunoda, a muro in curva 3 (distraendo Carlos Sainz, subito dietro di lui, che finisce a muro a sua volta).
è stata una qualifica stupida, con tutta questa mer*a che succede…è un circuito cittadino e ci può stare, ma abbiamo una buona macchina” ha commentato l’olandese, visibilmente alterato, a sessione finita.
Il Max 19enne, probabilmente, avrebbe preso a pugni cameraman e intervistatore.

I risultati completi delle Qualifiche

Gli orari del GP di Baku e dove vederlo

Emanuele Breschi

Emanuele Breschi, scemaax sui social: Laureato in Scienze Politiche con un master in Comunicazione anche se ho passato più ore su Netflix o alla Playstation che sui libri. Appassionato da sempre di Formula 1 ed Esports, a volte insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *