Pagelle del Gran Premio d’Australia 2019

Pagelle del Gran Premio d’Australia 2019

Dopo tanta attesa, il circus della F1 ha ufficialmente riaperto i battenti con il Gran Premio d’Australia. Il weekend di gara ha riservato non poche sorprese, mettendo in dubbio alcune aspetti che erano trapelati dai test di Barcellona. Ma bando alle ciance: diamo i voti ai protagonisti del GP di Melbourne.

V. BOTTAS: Voto 10.

Ha vinto più gare quest’anno che nel 2018. Dopo mesi di meditazione ed isolamento nella sua amata Finlandia, fra motoslitte, legna, neve e una barba che lo rende molto più cattivo, Valtteri risponde alle critiche di chi lo voleva sostituito da Ocon con una prestazione monumentale. Se in qualifica il compagno Lewis gli soffia la pole per poco, in gara non c’è storia. Lo scatto felino al via lo porta subito in prima posizione e, complice il fondo danneggiato di Lewis, Bottas costruisce un vantaggio enorme martellando giro dopo giro. Il giro veloce è solo la ciliegina sulla torta. Per una volta è lui a dominare.

BOSCAIOLO ON FIRE

L. HAMILTON: Voto 8.

Weekend interessante per l’inglese: bravissimo il Sabato, un po’ meno brillante la Domenica. Si distrae al momento della partenza a causa di una notifica su Instagram e perde il primato ma si sa: un follower in più è meglio di una vittoria in più. Per il resto Hamilton è bravo a gestire la sua corsa, compromessa da un fondo danneggiato che non gli ha permesso di spingere al massimo e da una strategia su Vettel che poi non si è rivelata ideale. Verstappen si avvicina ma non è mai pericoloso. Mezzo voto in più per il lavoro da gufi che ha svolto assieme a Wolff nei confronti della Ferrari.

GUFO TIME

M. VERSTAPPEN: Voto 8,5.

Ottima prestazione di “mad Max”, specialmente se paragonato al weekend disastroso del compagno di squadra. Bravissimo in qualifica ad inserirsi fra le due Ferrari, Max è altrettanto pimpante in gara, nella quale sfrutta le difficoltà della Ferrari per passare in maniera decisa Sebastian Vettel, issandosi al terzo gradino del podio. Sembra molto a suo agio con la vettura; se dovesse confermarsi altrettanto veloce nelle prossime settimane sarebbe davvero pericoloso per gli avversari.

PRONTO AD ATTACCARE

S. VETTEL: Voto 6,5.

Inutile nasconderlo: le aspettative erano altissime e la Ferrari ha toppato. Merito agli altri team che hanno svolto un lavoro migliore; NULLA è compromesso, la stagione è lunghissima. È difficile valutare la prestazione di Vettel: a quanto pare è stato costretto a girare con mappature più conservative, senza praticamente utilizzare l’ottava marcia e dovendo risparmiare carburante avendone imbarcato di meno in previsione di una Safety Car. Dagli onboard sembra che Seb stesse girando come fa l’IA su F1 2018 a difficoltà “rookie”. Inoltre, la strategia si è rivelata errata: il pit stop è stato anticipato eccessivamente. Il quarto posto era il massimo, ma ci si aspetta una forte reazione per il GP del Bahrain.

RODODENDRO

C. LECLERC: Voto 7.

Debutto solido per Charles: era importante levarsi il peso e la tensione della prima gara in Ferrari. Il pilota Monegasco si è dimostrato vicino al compagno ben più esperto in qualifica e in gara è addirittura arrivato ad insidiarlo, per poi essere però fermato da un ordine di scuderia. In attesa che la Ferrari ci mostri il suo vero potenziale, ci godiamo le buone impressioni che ci ha lasciato Charles. A poco a poco prenderà sempre più confidenza con la macchina e con il team: può solo migliorare.

ONESTO

CONTIUA A PAGINA 2

Ultima Staccata

Siamo due ragazzi universitari cresciuti con la passione dei motori fin da bambini. Fondatori del progetto "JIFTY" nel 2017, abbiamo deciso di continuarlo modificandolo in Ultima Staccata. Il nostro obbiettivo sarà sempre quello di offrirvi un'esperienza il più possibile professionale.