Massa Re di Istanbul: storia del Gran Premio di Turchia

Massa Re di Istanbul: storia del Gran Premio di Turchia

Il Gran Premio di Turchia ha una storia piuttosto recente: costruito nel 2003 accanto all’aeroporto internazionale Sabiha Gökçen, il circuito dell’Istanbul Park vide il primo Gran Premio di Turchia di Formula 1  al suo interno nel 2005.

 Il Circuito fu costruito più per motivi politici che sportivi; infatti, i vertici della Formula 1 desideravano avere un Gran Premio  in un paese grande e popolato ma non facente parte dell’Unione Europea: quest’ultima infatti, aveva delle normative molto stringenti sulle sponsorizzazioni per gli eventi sportivi.

Questi vantaggi, uniti a un orario molto simile a quello europeo per il quale si potevano comunque coprire più spettatori possibile (la Formula 1, allora come oggi, vedeva ottimi ascolti soprattutto in Europa), facevano della Turchia un posto ideale per disputare un Gran Premio.

Il Gran Premio continuò a essere corso per tutti gli anni fino al 2011. Nelle 7 edizioni attualmente svolte abbiamo assistito a: una vittoria a testa per  Red Bull e Brawn Gp (2011 Sebastian Vettel, 2009 Jenson Button e sarebbe stata anche l’ultima del britannico con la scuderia di Ross Brawn), due per  Mclaren (2005 Kimi Raikkonen, 2010 Lewis Hamilton) e tre per la Ferrari, dal 2006 al 2008, tutte e tre vinte da Felipe Massa.

 

Felipe Massa e le sue tre vittorie

Come già detto, Felipe Massa vinse tre volte su questa pista, e attualmente è anche il pilota che ha vinto di più su questa pista. Vediamo le sue tre vittorie più nel dettaglio

 

2006

La gara del 2006 fu abbastanza confortevole per il brasiliano: dopo aver ottenuto la sua prima pole in carriera, non fu mai particolarmente impensierito né da Alonso (2°) né da Schumacher (3°). Anzi, questi due negli ultimi giri ingaggiarono un duello incredibile e bellissimo, di altissimo livello.

2007

La gara del 2007 cominciò con una prima fila tutta Ferrari (Massa davanti a Raikkonen). La gara non cambiò le carte in tavola, e la Ferrari portò a casa un’incredibile doppietta (che bei tempi…). Un fatto importante, tuttavia, avvenne dietro. Hamilton era terzo dietro alle Ferrari, quando a un certo punto forò e dovette fare metà giro con una gomma forata. L’inglese alla fine chiuse 5°. Senza quella foratura, Hamilton a fine anno sarebbe stato campione del mondo… ma la storia non si fa con i se.

2008

La gara del 2008 fu un po’ più movimentata. Massa come al solito partiva in pole, ma stavolta Hamilton (2° dopo la partenza) provò una strategia un po’ diversa. Al primo pitstop caricò meno carburante, e questo gli permise di guadagnare abbastanza da riuscire poi a superare il brasiliano in pista. Tuttavia, le gomme di Hamilton si usuravano molto velocemente. Troppo. Il britannico fu costretto a una terza sosta, e questo diede a Massa la vittoria della gara, per il terzo anno consecutivo.

Vedremo chi sarà il vincitore della gara del 2020.

Avatar

Luca Martinelli, appassionato di Motorsport da anni. Segue con interesse qualsiasi tipo di gara, ma in particolare la Formula 1. Molto interessato alla storia di essa, scrive articoli storici ma anche di analisi e/o confronto sulla Formula 1 attuale