Le qualifiche del Gp di Imola 2021

Le qualifiche del Gp di Imola 2021

Una grande attesa, una gran cornice e un gran sabato di qualifiche: a conquistare la Pole del Gran premio del Made in Italy e dell’Emilia Romagna è stato Lewis Hamilton, e lo ha fatti davanti a Sergio Perez e Max Verstappen, con l’olandese beffato dopo tempo immemore da un proprio compagno di squadra (se non per problemi tecnici) nonostante il pronostico presentasse proprio lui come pilota favorito nella sessione del sabato pomeriggio; il messicano ha invece capitalizzato l’esperienza delle prime qualifiche della stagione, quelle corse in Bahrain, dimostrando che non si trova in quel team per caso, e dando l’impressione che, probabilmente, il gruppo Red Bull ha finalmente trovato una seconda guida all’altezza della prima. Hamilton infine ha fatto sì che dei giri non perfetti dei suoi diretti rivali gli consegnassero la Pole numero novantanove, nonostante anche lui nel secondo tentativo non sia stato impeccabile, riscattandosi comunque dall’ultima edizione del GP di Imola, in cui la Pole gli era stata tolta dal suo compagno, Valtteri Bottas, che quest’oggi è rimasto davvero in sordina, solo ottavo dopo l’ultimo tentativo annullatogli per essere andato oltre i track limits.

 

Problema dei limiti di pista che ha interessato in primissimo piano anche Lando Norris, che stava addirittura conquistando la seconda posizione (cosa che ha fatto nella Q2), anche lui però con il giro annullato e arrivando dunque settimo, dietro al compagno Ricciardo nonostante i valori tra i due non fossero assolutamente questi. Ad anticipare l’australiano è stato un ottimo Pierre Gasly, che dopo la seconda fila nella terra dei motori della passata stagione ha conquistato oggi la quinta posizione, anticipato da uno splendido (ancora una volta) Charles Leclerc, agguantando una quarta posizione molto molto difficile alla vigilia per una Rossa che con l’altro suo pilota, Carlos Sainz, non è riuscita nemmeno a passare il taglio del Q2, causa tanti piccoli errori dello spagnolo stesso.

 

Ottime qualifiche anche per Esteban Ocon, in nona posizione in Alpine, con il suo ben più atteso compagno di team, Fernando Alonso si è qualificato solo quindicesimo, mentre a chiudere la Top 10 è stato Lance Stroll con Aston Martin, anche lui molto meglio di un Sebastian Vettel che deve ancora trovare le misure con la sua nuova auto, portando a casa solo la tredicesima posizione. Entrambe le auto non ancora citate tra quelle arrivate in Q2 sono Williams, con Russell dodicesimo e Latifi quattordicesimo, mentre ad uscire già in Q1, oltre a Yuki Tsunoda che ha danneggiato gravemente il posteriore della sua Alphatauri proprio al principio della sessione, sono stati Kimi Raikkonen, sedicesimo, Antonio Giovinazzi, diciassettesimo con il suo giro buono arrestato dall’ennesima guida ‘non intelligente’ di Nikita Mazepin, poi diciannovesimo, dietro a un buon Mick Schumacher che ha messo tanti decimi tra lui e il suo compagno. 

Lorenzo De Stefano

Lorenzo De Stefano, nato il 7 Aprile 2002 ad Avellino ha una gran passione per qualunque cosa si muova a una velocità minima di 100 Km\h o per qualunque sport che possa trasmettere passione; il suo sogno nel cassetto infatti è proprio portare queste passioni sulle TV di tutti, un giorno, attraverso il giornalismo.