(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-9389885222842446", enable_page_level_ads: true });

Le parole dei Piloti – Abu Dhabi 2019

Le parole dei Piloti – Abu Dhabi 2019

Ultimo giovedì della stagione significa ultima giornata dedicata ai media da parte dei piloti. Per questa occasioni speciale le parole rilasciate dai protagonisti  sono state suddivise in due conferenze stampa separate che hanno visto differenti team affrontare quelli che sono i temi più caldi del weekend. I temi trattati sono stati di tutti i tipi a partire dall’incidente dei due Ferrari in Brasile fino ad arrivare a quelle che sono le aspettative per la prossima stagione. 

Di seguito raccogliamo le diverse dichiarazioni principali suddivise per ogni singolo pilota.

Leclerc : 

Abbiamo guardato le immagini per cercare di capire cosa fare meglio. L’incidente è stato sfortunato, un tocco lieve dalle conseguenze drammatiche. Come team dobbiamo essere meno aggressivi tra di noi, cercheremo di fare in modo che non accada più. Sono stato al simulatore a Maranello e abbiamo discusso. Non accadrà più. Di certo farò gli auguri di Natale a Seb.”

Nel 2019 siamo progrediti bene, solo Austin c’è stata una gara strana in cui non sappiamo il motivo per il quale siamo andati così male. Voglio proseguire di slancio anche nel 2020, sarà il primo anno in cui sarò al via la stagione successiva con la stessa vettura dell’anno precedente.

 

Potremo continuare a correre contro, vogliamo vincere, dobbiamo però concederci più spazio. Questa è l’unica direttiva che ci sarà imposta nelle prossime gare. Non possiamo fare molto altro. È stato un contatto lieve dalle conseguenze enormi, sfortuna, ma non deve ripetersi.”

Verstappen:

Sempre meglio terzo che quarto o quinto, ma tra 20 anni non credo che sarei contento di questo risultato, onestamente ho il mio parere sulla mia nomination per atleta dell’anno ma preferisco non commentare.

Abbiamo una macchina vicina al titolo e abbiamo grandi ambizioni per il 2020, ma ci sono anche gli altri e vedremo cosa tirano fuori. Sicuramente vogliamo essere competitivi dall’inizio nel 2020.

Sainz:

Sono fiducioso di chiudere sesto, ma dobbiamo essere cauti, perché può succedere di tutto. È già un bonus per noi giocarsi il sesto, di solito è il settimo quello a disposizione. Ce lo siamo meritato, sarà divertente lottare con loro.”

In Brasile è stato bello vedere il team festeggiare così. È stato speciale e diverso da come mi aspettavo il mio primo podio, ma bello, poi che emozioni in fabbrica e con famiglia e amici… Ma ora c’è da stare concentrati sul sesto posto.

 

CONTINUA A PAGINA 2

Ultima Staccata

Siamo due ragazzi universitari cresciuti con la passione dei motori fin da bambini. Fondatori del progetto "JIFTY" nel 2017, abbiamo deciso di continuarlo modificandolo in Ultima Staccata. Il nostro obbiettivo sarà sempre quello di offrirvi un'esperienza il più possibile professionale.