GP Portogallo: Top 3 e Flop 3

GP Portogallo: Top 3 e Flop 3

Lewis Hamilton vince il GP del Portogallo. Basterebbe anche solo questa frase come sintesi della gara. A differenza dell’anno scorso, il GP del Portogallo non ha emozionanto più di tanto, qualche lotta all’inizio e poco più. Hamilton vince la gara e consolida la leadership del mondiale, Verstappen gli resta incollato, Bottas parte dalla pole ma si scioglia come neve al sole. Ai margini del podio Perez con un’ottima gara, seguito da Norris che mostra una grande costanza di rendimento, sta maturando. Non benissimo la Ferrari, in crescita Alpine, in caduta libera Aston Martin. Andiamo adesso a vedere quali sono stati i top e i flop del GP del Portogallo!

FLOP 3

Valtteri Bottas

Nulla di personale con il finlandese, ma se scatti dalla pole, qualcosa in più ci si aspetta. Oggi la Mercedes era superiore alla Red Bull, e Bottas almeno Verstappen doveva tenerlo dietro. Troppo morbido, sia su Lewis che su Max, senza cattiveria resterà solo un buon pilota e nulla più.

Strategia Ferrari

Inspiegabile la scelta di montare la mescola media di gomme a Sainz per terminare la gara. Andava sfruttata la safety car iniziale e la bravura dello spagnolo nel gestire le morbide per poi montare la stessa mescola degli altri e finire la gara. Invece no, hanno costretto Sainz ad una gara tutta di sacrificio senza nemmeno la gratificazione dei punti dopo un’ottima qualifica. Peccato.

Aston Martin

Grande delusione la scuderia inglese. Si era capito già dall’inizio che non sarebbero stati forti come l’anno scorso, però così veramente è troppo. Entrambi fuori dai punti e dietro anche ad una Alphatauri e un’Alfa Romeo. Grande prestazione di Vettel in qualifica, ma la gara è un disastro, la macchina proprio non va e nulla può nemmeno Stroll.

Menzioni di (dis)onore

Daniel Ricciardo compie una buona rimonta in gara, ma ancora non ha confidenza con la McLaren, ed è lontanissimo dal compagno Lando Norris.

TOP 3

Mick Schumacher

E’ strano vedere il diciasettesimo classificato nei top, ma queste classifiche tengono conto del risultato in base alle possibilità e le aspettative. Ecco, se teniamo in considerazione questo la prestazione di Mick acquisisce un grande valore. Arriva davanti di oltre un minuto al suo compagno Mazepin e riesce addirittura a mettere dietro la Williams di Latifi, macchina che lotta anche per il Q2 a volte. Tutto ciò guidando una Haas, ferma nello sviluppo, e per distacco la peggior auto in griglia. Mick dimostra grande freddezza e maturità, speriamo di vederlo più competitivo il prossimo anno.

Max Verstappen

Inizialmente prova a fare lo “scherzetto” ad Hamilton, poi ce la mette tutta per limitare i danni con il secondo posto. Oggi la Mercedes ne aveva un po’ di più, ed è comunque un grande risultato aver messo dietro Bottas, peccato per la cancellazione del giro veloce alla fine. Se quando non è in condizione di vincere riesce ad arrivare secondo significa che il mondiale può giocarselo, ed è quello che ci auguriamo tutti.

Lewis Hamilton

Non può che essere lui il top di giornata. Grande vittoria di Lewis, di forza e di prepotenza, superando in pista Verstappen prima e Bottas poi. Non è stato perfetto in qualifica, ma in gara non sbaglia nulla, e quando è così concentrato è impossibile da battere.

Menzioni d’onore

Sergio Pèrez con una grandissima gestione delle gomme e “vittima” di una strategia Red Bull incomprensibile che gli impedisce di lottare per il podio, ma “Checo” c’è. Lando Norris che mostra una solidità e una constanza spaventosi, tre gare sempre in top 5, terzo nel mondiale, cosa gli si vuole dire? Alpine in crescita con Ocon autore di una grande qualifica e ottiene un ottimo settimo posto e Alonso che corre “da Alonso”, fa una gran rimonta prende i primi punti della stagione.

Mario Scherillo

Mario Scherillo, studente universitario di lingue (inglese e tedesco), aspirante giornalista sportivo. Appassionato a diversi sport, amante dei motori, sia le due ma soprattutto le quattro ruote, la Formula 1 nello specifico, ma sporadicamente anche la F2, F3 e Formula E.