GP Brasile: Top 3 e Flop 3

GP Brasile: Top 3 e Flop 3

Con il GP del Brasile si conclude il trittico nel continente americano, poi si volerà in Asia per le ultime tre di questo strepitoso mondiale 2021. Lewis Hamilton vince nonostante la penalità e la squalifica dalle qualifiche, ma con una Mercedes, oggi, indomabile. Dietro Max Verstappen, che ha provato finché gli è stato possibile a tenerlo dietro, a completare il podio Bottas, vincitore della sprint race di sabato. La Ferrari allunga ancora sulla McLaren nel campionato costruttori. Adesso il vantaggio di Max su Hamilton è di soli 14 punti, e avremo un finale di campionato incredibile, dove ogni punto sarà fondamentale. Ma andiamo a scoprire quali sono stati i top e i flop del GP del Brasile!

FLOP 3

Carlos Sainz

Alla fine non è proprio un flop, però ieri ha corso una sprint race di altissimo livello concludendo terzo, oggi non parte benissimo e si stabilizza sesto, dietro Leclerc, del quale comunque tiene il ritmo e gli sta dietro.

Yuki Tsunoda

Oggi pasticcione, provoca l’unica safety car della gara centrando Stroll, riceve una penalità e poi gara anonima nelle retrovie mentre Gasly porta a casa di nuovo una gara sontuosa.

McLaren

La doppietta di Monza sembrava il coronamento di una grande stagione, invece si è rivelata quasi un canto del cigno. La McLaren nelle ultime due gare ha ottenuto due punti, due decimi posti di Lando Norris. Superata e distanziata dalla Ferrari nel campionato costruttori.

TOP 3

Pierre Gasly

Altra gara di livello del francese che porta ancora a casa punti preziosi arrivando settimo. Dopo i big c’è lui, in gara e anche nel campionato, dove è nono proprio alle spalle dei piloti di Mercedes, Red Bull, Ferrari e McLaren. Altra conferma della sua bontà alla guida, come detto anche per lo scorso GP del Messico, meriterebbe un’auto migliore.

Max Verstappen

Ci ha provato, in tutti i modi, con le unghie e con i denti, ma oggi la Red Bull sembrava inerme contro una Mercedes imbattibile. Nonostante il vantaggio di partire davanti, di avere Hamilton nel traffico, oggi Max non ha potuto nemmeno metterci una pezza col suo talento. E’ ancora leader del modniale, ma visto il finale in tre piste di motore, non c’è da star sereni. Max deve vincerne almeno una, ma visti i valori in pista sembra molto molto difficile.

Lewis Hamilton

In questo GP del Brasile Lewis era visibilmente in fiducia, sentiva il feeling con la macchina e l’ha dimostrato. In realtà bisogna tener conto anche della prestazione maiuscola di ieri nella gara sprint dove ha preso quindici posizioni in venti giri. Con una Mercedes indomabile e un Hamilton in versione Hammer c’è poco da fare. Riapre il mondiale, e se la macchina sarà questa fino alla fine, le sue quotazioni salgono vertiginosamente.

Menzioni d’onore

La Ferrari che si piazza subito dopo Mercedes e Red Bull e consolida il terzo posto nel costruttori approfittando della dèbalce McLaren. Bene anche le Alpine di Ocon e Alonso che portano a casa un doppio piazzamento a punti, ed ora sono pari con AlphaTauri per il quinto posto mondiale.

Mario Scherillo

Mario Scherillo, studente universitario di lingue (inglese e tedesco), aspirante giornalista sportivo. Appassionato a diversi sport, amante dei motori, sia le due ma soprattutto le quattro ruote, la Formula 1 nello specifico, ma sporadicamente anche la F2, F3 e Formula E.