GP Azerbaigian: Top 3 e Flop 3

GP Azerbaigian: Top 3 e Flop 3

Il GP dell’Azerbaigian si conferma uno dei più spettacolari e imprevedibili di sempre. Sergio Pèrez trionfa, davanti a Sebastian Vettel e Pierre Gasly. Un podio assolutamente inedito, complici anche il ritiro di Verstappen, causa cedimento della gomma e l’eccesso di foga di Hamilton alla ripartenza dopo la bandiera rossa. Ferrari purtroppo non riesce a dare continuità a una grande qualifica, ma Leclerc riesce a portare a casa un buon quarto posto. Maluccio Sainz che commette un errore dopo la sosta e non sfrutta la ripartenza. Non al top nemmeno le McLaren che portano a casa punti grazie a una ripartenza strepitosa di Lando Norris, molto bene invece Tsunoda, a punti, settimo. Ma andiamo adesso a scoprire i top e i flop del GP dell’Azerbaigian 2021!

FLOP 3

Valtteri Bottas

Mai in lotta per la top 5, ne in qualifica, ne in gara, e addirittura fuori dai punti. E la cosa grave è che non ha nemmeno commesso errori. E’ nell’aria un appiedamento da parte di Mercedes, e con prestazioni così non può che dargli ragione.

Lewis Hamilton

Prima della ripartenza super sprint era da top. Con una Mercedes tutt’altro che imbattibile era in lotta per la vittoria e sul podio. Nella ripartenza è stato troppo irruento, gettando via la possibilità di ritornare in testa al mondiale. Dimostra, incredibilmente, di essere umano anche lui, e per la prima volta non sfrutta un “regalo” che la fortuna gli aveva concesso col ritiro di Verstappen.

Pirelli

E’ vero, non tutti abbiamo le competenze tecniche per poter giudicare. Ma se nella stessa gara avviene lo stesso incidente a due piloti, con due auto diverse, un perché dovrà esserci. Inoltre in un rettilineo veloce come quello di Baku bisogna ringraziare la sicurezza delle monoposto moderne se né Stroll, né Verstappen si sono fatti male.

Menzioni di (dis)onore

Carlos Sainz poteva fare sicuramente meglio, vista anche la grandissima prestazione di Montecarlo. Anche la McLaren non è sembrata molto competitiva, salvata da una grandissima ripartenza di Lando Norris, con molto del pilota e molto poco della macchina.

TOP 3

Pierre Gasly

Ha dimostrato di andare fortissimo già dalla qualifica, l’ha dimostrato anche in gara. E’ sempre in top 5 con un gran ritmo, e sfrutta il ritiro di Verstappen, l’errore di Hamilton e difende da fuoriclasse su Leclerc. Sale sul podio, il terzo con l’AlphaTauri in meno di due anni. Non può essere solo fortuna.

Sergio Pèrez

Seconda vittoria in Formula 1, la prima con Red Bull. Sta iniziando ad ingranare e ripagare la fiducia datagli da Milton Keynes. Con questo successo diventa il pilota con più podi nel GP dell’Azerbaigian. Senza ritiro di Verstappen sarebbe comunque finito secondo tenendo a bada un certo Lewis Hamilton. E adesso occhio, che il Checo potrebbe prenderci gusto.

Sebastian Vettel

Gara strepitosa del quattro volte campione del mondo, che è sempre bene ricordarlo ai suoi detrattori. Parte undicesimo, finisce secondo, non commette errori e si dimostra ancora un mago nelle strategie e nella gestione delle gomme. Tra quì e Monaco due gare da masterclass, sembra aver finalmente ingranato anche lui con la nuova macchina. Ritrovato!

Menzioni d’onore

Max Verstappen naturalmente avrebbe vinto senza l’espolsione della gomma. Ma l’errore di Hamilton con conseguente 0 in classifica potrebbe essere un segnale positivo per il campionato. Grandissima prestazione di Yuki Tsunoda a conferma della bontà dell’AlphaTauri quest’anno. Il talentuoso giapponese torna a far parlare di lui per i suoi risultati e non solo per i team radio che tanto divertono i telecronisti.

Mario Scherillo

Mario Scherillo, studente universitario di lingue (inglese e tedesco), aspirante giornalista sportivo. Appassionato a diversi sport, amante dei motori, sia le due ma soprattutto le quattro ruote, la Formula 1 nello specifico, ma sporadicamente anche la F2, F3 e Formula E.